Presentazione

San Luigi dei Francesi si trova proprio nel centro di Roma, tra il Pantheon e Piazza Navona, ed è un vero e proprio gioiello del barocco romano.

E’ la chiesa nazionale dei francesi a Roma, ed è particolarmente famosa perché ospita, tra le varie opere, tre capolavori del Caravaggio.

Ma cominciamo dall’inizio!

Nei primi anni del 1500 la comunità francese avverte la necessità di disporre di un luogo di culto adeguato; a Roma possiedono solo una piccola cappella e sono sempre più numerosi, per cui decidono che è giunto il momento di avere una vera chiesa dove potersi radunare.  

Così con l’aiuto di papa Clemente VII, della famiglia dei Medici, e soprattutto di Caterina I di Francia, anch’essa una Medici, avviano il progetto di costruzione.

L’incarico viene affidato a Domenico Fontana, un architetto che a Roma è molto noto per aver innalzato 4 importanti obelischi, in particolare l’obelisco Vaticano in piazza San Pietro.

L’architetto, avvalendosi dell’aiuto di Carlo della Porta che disegna il progetto, porta rapidamente a compimento la costruzione e l’inaugurazione avviene nel 1589.

La Chiesa naturalmente è un’esaltazione della Francia: già nella facciata sono presenti statue di santi e di importanti personaggi francesi. Così nelle nicchie in basso ecco Carlo Magno e San Luigi e nelle nicchie in alto Santa Clotilde e Santa Giovanna di Valois.

Scolpite da un artista parigino, Pierre l’Estache, risalgono alla metà del 1700.

La chiesa ha una struttura a tre navate con cinque cappelle su ognuno dei due lati e in fondo vi è un ricco coro decorato.

Entrando, sopra la porta d’ingresso, si trova uno splendido Organo a Canne di fine’800 e poi proseguendo si incontrano diverse opere di grande prestigio per finire con la Cappella Contarelli di certo una delle più prestigiose in tutta Roma.

Scarica MyRoma

MyRoma è disponibile su tutti i device sia Apple che Android

MyRoma è disponibile su tutti i device sia Apple che Android

* Disponibile su iPhone, iPad e tutti i dispositivi Android